Consigli e soluzioni nutrizionali per il tuo Pet

L’importanza di un programma nutrizionale su misura

Tra un chihuahua e un alano corrono molte differenze, tra cui un elemento decisamente non trascurabile: il peso. Se il primo a fatica raggiunge i 3 kg, il secondo può superare abbondantemente gli 80 kg. All’elevata variabilità tra le razze, corrisponde però una forte omogeneità all’interno di ciascuna razza. Tale fenomeno si può spiegare con la discendenza da un ristretto numero di capostipiti. I vari studiosi, incuriositi da questo fenomeno, hanno cominciato a studiare e mappare il DNA canino e hanno scoperto come piccolissimi cambiamenti genetici riescono a produrre enormi variazioni nell’espressione genica dei vari soggetti. La prima sequenza completa del genoma canino è stata ottenuta, nel 2004, da un campione di sangue donato da Tasha, una femmina di boxer (Kerstin Lindblad-Toh (2004), National Human Genome Research Institute (NHGRI), Cambridge).

L’importanza di un programma nutrizionale su misura

La nutrigenomica, la risposta

Tali studi fanno comprendere come ogni soggetto necessiti di un programma nutrizionale su misura: a questa necessità ha risposto la Nutrigenomica, una scienza che indaga come i nutrienti regolino l’espressione genica, ovvero come la dieta, e quindi i nutrienti e le molecole contenuti all’interno dei cibi che ingeriamo, possa influenzare l’accensione o il silenziamento dei geni preposti alle varie funzioni fisiologiche, e quindi come questi influiscano sul metabolismo e sullo stato di salute.

È necessario pertanto, in questa ottica, fornire un’alimentazione personalizzata, cioè compatibile con le caratteristiche di ciascun genoma, per favorire l’instaurarsi di una condizione di benessere. A seconda, infatti, di cosa è scritto nei nostri geni l’organismo reagirà in modo differente a ciò che mangiamo.

Un semplice esempio può aiutarci a capire meglio come l’alimentazione, e pertanto i nutrienti apportati dagli alimenti, possano contribuire a modificare l’espressione genica dei vari organismi, cioè influire sull’accensione o lo spegnimento dei geni preposti alle varie funzioni vitali. Come già anticipato, tutti gli organismi viventi, e non solo gli esseri umani, hanno in comune una percentuale molto alta di geni.

L’ape regina e le api operaie

La società delle api è composta dalle operaie, piccole e sterili, che si dedicano alla raccolta di cibo e alla cura dell’alveare e che vivono poche settimane, e dalle regine, più grandi e longeve, deputate unicamente alla riproduzione. Nonostante questa evidente diversità, i due tipi di api condividono lo stesso DNA. Com’è possibile? I ricercatori ritengono che la differenza derivi dalla dieta seguita durante lo stadio larvale e che vadano incontro a modificazioni epigenetiche diverse. Ad esempio, un gruppo di scienziati tedeschi e australiani ha confrontato il genoma di api operaie e regine, e ha scoperto che quasi 600 geni nel cervello di questi piccoli insetti hanno un profilo epigenetico diverso.

Una partnership per il benessere dei pet

Per perseguire tale obiettivo, Prolife ha stretto una partnership scientifica con Alltech®, azienda americana leader al livello mondiale nella produzione di integratori naturali per l’alimentazione umana e animale. Insieme, per primi al livello mondiale, hanno declinato gli studi di nutrigenomica nell’ambito della salute e del benessere del cane e del gatto. Credendo fermamente nei principi che animano questa scienza nutrizionale, hanno formulato una gamma di alimenti in grado di rispondere alle esigenze specifiche del cane e del gatto in base alla fase biologica. Da tali presupposti nasce Alltech®Nutrigenomic System: un complesso di diversi elementi sinergici, organici e naturali, molecole attive utili a favorire l’accensione o il silenziamento dei geni preposti alle principali funzioni vitali. Avendo constatato, ad esempio, che il cucciolo necessita di nutrienti che favoriscano lo sviluppo cerebrale hanno agito per individuare uno specifico blend di integratori naturali utili a implementare tale funzione. Lo stesso è stato fatto per il cane anziano, preposto all’insorgenza di problematiche legate, ad esempio, alla funzionalità digestiva o all’invecchiamento cellulare.

Grazie all’applicazione dei principi della nutrigenomica il nostro team di ricerca è riuscito a dare una risposta a chi cerca una soluzione nutrizionale a misura delle necessità del proprio pet.

FOCUS: l’importanza di un corretto razionamento

Non basta che l’alimento sia “su misura”, è necessario anche che sia somministrato con un corretto razionamento affinché vengano apportati tutti i nutrienti necessari a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Il modo migliore per valutare un corretto programma di razionamento è affidarsi al consiglio del proprio medico veterinario, in base alla condizione dell’animale.

Nella formulazione delle razioni giornaliere di ogni alimento della linea Prolife abbiamo rispettato le linee guida di FEDIAF (Federazione Europea dell’Industria degli Alimenti per Animali da Compagnia). I livelli di nutrienti raccomandati nelle Linee guida FEDIAF consistono nella quantità di nutrienti essenziali che devono essere presenti nei prodotti per garantire un’alimentazione adeguata e sicura in individui sani, se consumati nel tempo.

Calcola la razione con la App MyProlife

Grazie alla app MyProlife è possibile calcolare la razione giornaliera ideale per il tuo pet. È molto semplice! > Basta scaricare la App MyProlife al seguente link https://www.prolife-pet.it/app/scarica-la-nuova-app-prolife o cercando MyProlife nello store del proprio telefono, inserire i dati del tuo pet – razza, età e peso – selezionare l’alimento Prolife scelto…in automatico verrà calcolata la razione giornaliera consigliata dai nostri medici veterinari!

Post Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Via della Cooperazione, 16 - 45100 - Rovigo Tel. +39 0425.474645 r.a. / Fax +39 0425.474647 zoodiaco@zoodiaco.com