Consigli e soluzioni nutrizionali per il tuo Pet

Come riconoscere i sintomi di una sensibilità?

Ci sono alcuni metodi che consentono di individuare i sintomi di una sensibilità, senza mai prescindere dal parere del proprio medico veterinario.
Occorre prima porsi alcune domande:

1 Il cane manifesta delle reazioni cutanee?
Le irritazioni cutanee e il prurito sono i sintomi più comuni che fanno pensare alle allergie alimentari. Controlla se il tuo cane tende a grattarsi spesso, se sotto il suo pelo vi sono delle eruzioni cutanee, un’orticaria, o se la sua pelle è secca e pruriginosa.

2 Ha un’infezione all’orecchio?
Le infezioni dell’orecchio e della pelle sono spesso correlate alle reazioni allergiche agli alimenti. Se il cane si gratta eccessivamente le orecchie, noti dell’arrossamento o del gonfiore all’interno o intorno al padiglione auricolare e riscontri una fuoriuscita di materiale giallo/marrone o tracce di sangue, sappi che sono tutti segni di una possibile infezione all’orecchio.

Come riconoscere i sintomi di una sensibilità?

3 Il cane vomita o ha la diarrea?
Se dopo aver mangiato il cane vomita spesso o ha una costante diarrea, la causa potrebbe essere una forma di sensibilità a qualcosa presente nel suo cibo, nei suoi dolcetti o in qualche sostanza non commestibile che ha ingerito mentre non lo tenevi sotto controllo.

Anche la scelta dell’alimento sarà imprescindibile per individuare un’eventuale sensibilità, pertanto:

1 Leggi la lista degli ingredienti contenuti nell’alimento. Alcuni componenti come coloranti, salumi, cereali e proteine potrebbero provocare delle reazioni avverse proprio come succede per gli esseri umani. Gli allergeni più comuni contenuti negli alimenti per cani sono i cereali, le proteine del pollo, le farine di bassa qualità, i coloranti, gli addensanti, i conservanti… Se analizzi gli ingredienti, potrà essere messa in atto la dieta a eliminazione, se necessario.

2 Assicurati che il tuo cane non mangi altri elementi. È fondamentale non dargli nessun altro cibo durante la dieta ipoallergenica, per evitare falsi positivi. Se il cane mangia feci animali, dolcetti o cibi per gli esseri umani durante questa fase di indagine, sono tutti elementi che potenzialmente possono innescare l’allergia, rendendo impossibile capire se la dieta a cui lo stai sottoponendo è efficace o meno. Una volta innescata, la conseguente infiammazione nell’intestino può perdurare nel suo organismo per settimane, quindi l’elemento che ha scatenato l’allergia può anche essere stato eliminato, ma i sintomi persistono.

Infine, la scelta del programma nutrizionale deve essere sempre concordata con il proprio medico veterinario.
Prolife offre una gamma completa di alimenti per le esigenze dei soggetti sensibili, dallo svezzamento all’età adulta, un continuum nutrizionale per il benessere del cane in ogni fase di vita.

Scopri le linee Prolife dedicate:
Prolife Sensitive: https://www.prolife-pet.it/catalogo/cane/secco/sensitive
Prolife Grain Free: https://www.prolife-pet.it/catalogo/cane/secco/grain-free

Post Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Via della Cooperazione, 16 - 45100 - Rovigo Tel. +39 0425.474645 r.a. / Fax +39 0425.474647 zoodiaco@zoodiaco.com