Consigli e soluzioni nutrizionali per il tuo Pet

Reazioni avverse al cibo – Sintomi frequenti

Reazioni avverse al cibo – Sintomi frequenti

Reazioni cutanee: irritazioni di cute e annessi più o meno pruriginose sono i sintomi più comuni; eritemi, lesioni epidermiche alla base o all’interno dell’orecchio, sul collo, lungo il dorso, nello spazio interdigitale, nel piatto della coscia, nella zona perianale, fenomeni di alopecia, etc.

Apparato gastro-intestinale: vomito, diarrea, flatulenza, meteorismo, coliti, fenomeni di malassorbimento, tenesmo, stipsi alternata a diarrea con presenza di muco nelle feci.
Più difficile risulta sospettarla in caso di sintomi gastro-intestinali a carattere cronico, intermittente o addirittura sporadico particolarmente presente in cani con predisposizione familiare.

Apparato oculo-congiuntivale: congiuntiviti ricorrenti, lacrimazioni abbondanti (epifora), muco congiuntivale.

RAZZE PREDISPOSTE
Non esistono razze indenni dalla possibilità di sviluppare reazioni avverse al cibo, tuttavia ne esistono alcune particolarmente predisposte: Boxer, Bassotti, Barboni, Retriver, Cocker, Collie, Dalmata, Pastore Tedesco, Setter Inglese e Irlandese e molti Terrier. Fra i gatti, i più colpiti sono i Siamesi.

LA DIETA PRIVATIVA
Il metodo di elezione per la diagnosi di ogni reazione avversa al cibo è rappresentato dalla esecuzione di una dieta privativa (dieta di eliminazione).
Questa indagine può stabilire una relazione tra la somministrazione di determinati ingredienti e la comparsa di alcuni segni clinici. Il principio su cui si basa una dieta privativa è che l’animale non dovrebbe avere reazioni avverse nei riguardi di un cibo che non gli è mai stato somministrato. Limitando dunque, per un determinato periodo di tempo, in maniera rigorosa, l’alimentazione dell’animale a una sola fonte di carboidrati e una di proteine mai utilizzate prima, i sintomi clinici scompaiono per ritornare con la reintroduzione degli alimenti precedentemente somministrati.

Reazioni avverse al cibo – Sintomi frequenti

Post Correlati

2 Commenti

  1. Tiziana Carella

    Per diversi anni ho dato alle mie gatte, dietro consiglio del veterinario, croccantini di una nota marca. E da diversi anni hanno gravi problemi di diarrea, letargia, alopecia, prurito, ferite. Ho sempre evidenziato il problema al veterinario che l’ha sempre sottovalutato. una delle gatte è stata anche male. Per questo da poco tempo ho cambiato veterinario il quale mi ha consigliato ProLife.
    Praticamente con i croccantini precedenti la stavo avvelenando. Ora con ProLife stanno rinascendo, sono presenti, giocano e spero che cresca subito anche il pelo. Grazie ProLife!!!

    1. Prolife

      La ringraziamo per il suo commento, Prolife è sempre molto attenta nel proporre alimenti per un benessere di lungo periodo per cane e gatto. Oltre a questo siamo al 100% trasparenti evidenziando la provenienza di ogni singolo ingrediente che utiliziamo nei nostri prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Via della Cooperazione, 16 - 45100 - Rovigo Tel. +39 0425.474645 r.a. / Fax +39 0425.474647 zoodiaco@zoodiaco.com